The Locker Room

ARENA ITALIA

22 giugno 2016 Competizioni, Europa, Speak About

La partita tra Croazia e Spagna ha messo davanti due grandi Nazionali. Una più esperta, praticamente impenetrabile agli Europei, competizione che ha vinto consecutivamente nel 2008 e nel 2012. Due grandi squadre, ma ad imporsi è stata la Croazia. E, al netto delle occasioni avute, con grande merito peraltro. Partendo dal presupposto che nessuna delle due opzioni avrebbe rappresentato per gli Azzurri un sorteggio felice, non possiamo che augurarci che questa Italia sappia essere consapevole e folle fino in fondo. Non solo perchè unita ma perchè capace di vedere l’obiettivo e rincorrerlo con umiltà e sacrificio. L’Italia è senza orpelli, non conta i passaggi ma i chilometri. L’Italia aver riscoperto la sua anima antica, quella che magari ti fa balbettare contro le squadre più modeste, ma che ti fa essere pronto ai grandi appuntamenti.
Abbiamo una filosofia di gioco e di pensiero logica quindi se esistesse davvero un momento giusto per affrontare la corazzata spagnola, è questo. Antonio Conte ha chiesto di non avere rimpianti. Non ne avremo. E faremo paura. Questa volta senza peccare di ingenuità, non affrontandoli come nel 2012, quando ci spazzarono via perchè provammo a fare quello che loro sapevano fare assai meglio di noi.